Qui sotto sono descritti gli ambiti di ricerca ed i progetti in cui Sea Marconi è coinvolta a vario titolo:

BIOEpoxy (resina epossidica bio)

I trasformatori a secco contengono tipicamente una resina epossidica che a sua volta contiene una sostanza pericolosa chiamata bisfenolo A. Questa ricerca intende sostituire le tipiche resine epossidiche con resine di origine biologica.

LORVER (Lorraine Vert – Lorena verde)

Argomento. Sistema sperimentale di conversione termochimica di biomassa in energia mediante pirolisi e pirogassificazione

Sea Marconi ha in carico la realizzazione di un impianto di pirolisi che, dopo le prove a freddo presso la casa madre di Torino, sarà installato nella regione francese della Lorena. Qui si verificherà l’efficacia del processo nel convertire biomassa vegetale (potenzialmente contaminata) ed eventualmente altri tipi di biomasse (ad esempio fanghi) per produrre una quantità sufficiente di bioprodotti e energia.

Durata: Luglio 2012 per 5 anni

Avanzamento. Dopo essere stato trasferito ad Homécourt (Lorena, Francia), l’impianto è stato installato e messo in esercizio. Attualmente sono in corso i test a caldo con trattamento di biomasse. In particolare, dopo una prima fase di caratterizzazione con materiale “ideale” sono seguite altre campagne di test con materiale “realistico” per valutare flessibilità operativa e rendimenti energetici dell’impianto.

Bando: Regione Lorena (Francia) – AME

Partecipanti:

  • 4 aziende: Valterra (progetto), Sita-FD, Chanvriers orientale e SEA Marconi
  • 5 laboratori in Lorena
  • 1 centro di ricerca: CRP Lippmann Lussemburgo
  • 2 strutture di trasferimento PROGEPI e CETELOR

BioEnPro (Bioenergy & Products)

BioEnPro sta per bioenergy and products. Si tratta di una piattaforma tecnologica che impiega diversi processi innovativi per trasfomare rifiuti, o scarti in genere, in energia BIO e prodotti dalle molteplici e sorprendenti finalità. BioEnPro è il risultato di oltre 15 anni di ricerche prima nell’ambito della conversione termochimica di rifiuti elettrici ed elettronici, poi nel trattamento di biomasse NON FOOD per la produzione di bioenergia. La continua innovazione ha portato a perfezionare le idee di partenza, ad ampliarle ed arricchirle fino sviluppare un concept straordinario al servizio delle Smart Communities. BioEnPro è una sorprendente sinergia tra processi differenti(pressoestrusione meccanica, conversione biochimica, conversione termochimica, cogenerazione dual fuel con motori a gas, fitoremediation, ecc.). Il risultato è una Smart Solution totalmente autosostenibile, a Km Zero, Zero rifiuti, CO2 negativa e possibilità di nuove occupazioni (Green Jobs).

BIOALMA

Argomento. BIOcarburante da ALghe per la Mobilità sostenibile in Aree urbane

Durata: 2012 – 2014

Avanzamento:

  • Buoni risultati con le nanospugne ottenuti da Università di Catania nella crescita di microalghe
  • Approvato dal MinAmbiente il secondo round di rendicontazione

Bando: Ministero dell’Ambiente

Partecipanti: Sea Marconi, Politecnico Torino (coordinatore) – Università Catania

Link Progetto

DEVELTAR

Argomento. Rimozione e conversione TAR contenuti nel Syngas.
Il progetto si intitola “Utilizzo sinergico di corona pulsata e microonde per migliorare il rendimento di conversione in energia elettrica da pirogassificazione di biomasse – DEVELTAR”. L’obiettivo è valutare sperimentalmente l’utilizzo di tecnologie innovative e non convenzionali per rimuovere i “TAR” (catrami) dai gas di sintesi prodotti durante la gassificazione delle biomasse, composti questi che sono ben noti per limitare fortemente l’utilizzo del gas prodotto da cogenerazione.

Durata: Giugno 2011 – Novembre 2014

Avanzamento. Il progetto si è concluso validando la tecnologia

Bando: CCSE

Partecipanti:

  • Sea Marconi (project leader),
  • Spike Renewables

BioAlgaeSorb

Argomento. Coltivazione di microalghe e conversione in energia

Durata: agosto 2010 – agosto 2013

Avanzamento:

  • Pubblicati i primi risultati dei test condotti con l’impianto realizzato da Sea Marconi nel 2011 e fornito all’Università di Firenze.
  • Presentazione a European Biomass Conference 2012 sia dell’impianto lab-scale che dei test eseguiti (Giugno 2012)
  • Fornite le nanospugne previste a Durham University (reparto R&S)

Partecipanti
– Association europeenne pour la biomasse (Belgium)
– BRITISH TROUT ASSOCIATION LTD IPS (United Kingdom)
– SEA MARCONI TECHNOLOGIES (Italy)
– IngrePro B.V. (Netherlands)
– VARICON AQUA SOLUTIONS LIMITED (United Kingdom)
– VALUE FOR TECHNOLOGY BVBA (Belgium)
– SWANSEA UNIVERSITY )United Kingdom)
– TEKNOLOGISK INSTITUTT AS (Norway)
– UNIVERSITY OF DURHAM (United Kingdom)
– HELLENIC CENTRE FOR MARINE RESEARCH (Greece)
– UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE (Italy)

Link progetto